Democratici nel mondo
Materiali
PD
AreaDem
19 Aprile 2012

Lo stile di un leader
storia dell’onesto Zac

Argomento: Vite
Autore: Tobia Morandi

Benigno Zaccagnini è stato protagonista di una lunga e ricca parabola umana e politica sviluppatasi nel corso di alcuni decenni fondamentali nella storia del novecento italiano. Quest'anno compirebbe 100 anni, essendo nato nell'aprile del 1912.

Cercherò di liberare la figura di Zaccagnini dal cliché fisso del politico onesto. Naturalmente c'era in lui una sincera rettitudine morale che si era andata formando in famiglia e nell'ambiente dei giovani cattolici democratici dell'Emilia Romagna, ma questa connotazione di onestà non può restituirci tutta la ricchezza della sua vicenda personale. Gli studi lo avevano plasmato nella scienza medica, con un forte afflato etico e umanitario. Era specializzato in pediatria, ma le vicende della guerra e della Resistenza armata segneranno in maniera decisiva tutta la sua vita futura.

Impegnato in prima linea nella lotta antifascista, Zaccagnini trova il naturale approdo alle proprie idealità nell'impegno politico e parlamentare nelle file della Democrazia Cristiana. In quegli anni cruciali, che vanno dal 1945 al 1948, la Dc era molto ricca di uomini animati da un antifascismo senza esitazioni, a partire da De Gasperi, Dossetti, Mattei e Taviani. Nel gruppo parlamentare democristiano della Camera Zaccagnini ha avuto costantemente ruoli e spazi di primo piano operando con una sua particolare sensibilità sociale e umana al servizio delle componenti più deboli e arretrate della società degli anni Cinquanta. Più che una limpida correttezza di vita, viveva in Zaccagnini un'autentica tensione morale animata dalle idealità dell'umanesimo cristiano. Non a caso il suo stile di vita è stato costantemente caratterizzato da semplicità e cortesia verso tutti coloro che entravano in contatto con lui. Non era un sognatore e in numerose circostanze, anche in prestigiosi incarichi di Governo ai ministeri del Lavoro e dei Lavori Pubblici, Zaccagnini ha operato con solerzia e grande impegno realizzativo.

Ha raggiunto il punto più alto del suo lungo impegno pubblico con la sua elezione - in circostanze difficili - a segretario politico della Democrazia Cristiana. Nel 1975, dopo le pesanti difficoltà e le sconfitte elettorali e politiche della segreteria di Fanfani, Zac, come da subito lo chiamarono i giovani dc, si impegnò a fondo nel rilancio della natura democratica e antifascista della Dc. Venne superata la vecchia linea della contrapposizione al Partito comunista e si diede vita alla nuova politica del confronto con le tesi e posizioni della sinistra parlamentare. Proprio quando, dopo le elezioni politiche del 1976, con la formazione del governo Andreotti le impostazioni di Zaccagnini sembravano affermarsi positivamente nell'interesse generale del Paese, esplose l’assurda tragedia del rapimento di Aldo Moro. Per un crudele caso del destino l'amico più caro e fidato di Moro ha dovuto difendere la Stato dal vile ricatto degli assassini delle B.R. che dopo settimane di angosciosa attesa hanno trucidato lo statista pugliese. Le lacrime di Zaccagnini furono le lacrime degli eroi cantate dall'antico poeta Virgilio.

Questa vicenda ha segnato la vita di molti italiani, ma certo Zaccagnini ha pagato un prezzo pesantissimo per tutto il resto della sua esistenza. Non facciamo anche di Benigno Zaccagnini un santino da fiction televisiva, ricordiamolo invece come combattente, parlamentare, uomo di governo e leader politico lungimirante. La sua lezione più importante è la testimonianza autentica di come si possa stare in politica attivamente con correttezza, rettitudine, semplicità di vita. La democrazia, non dimentichiamolo mai, è anche uno stile personale di vita. Zaccagnini non è stato un'eccezione, ma un caso emblematico di molti dirigenti politici onesti e di irreprensibile serietà che onorano la storia della Repubblica.

Le foto presenti su nuovitaliani.it sono prese in larga parte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Powered by Adon